5 differenze tra donne e uomini

5 differenze tra donne e uomini

5 differenze tra donne e uomini

Cosa differenzia le rappresentanti del sesso “debole” dai maschi, oltre alla mancanza dell’organo-miracolo, la presenza dei seni e la passione di incipriarsi ogni 5 minuti il naso?

La risposta non è semplice e le differenze abbondano come gli ormoni di un adolescente vergine. Altrimenti non ci sarebbero così tante polemiche tra i due “schieramenti”, i maschi comprenderebbero il motivo per cui l'abitazione secondaria delle signore è il bagno, e loro a loro volta, capirebbero la necessità ancestrale maschile di organizzarsi in piccoli gruppi e trascorrere almeno un quarto di vita... davanti ad una birra.

Contano le differenze tra un lui e una lei nel contesto di una relazione con un'escort? Per chi odia essere preso alla sprovvista, si. Anche se i dipendenti dell’industria del sesso rivestono un ruolo semplice, conformandosi alle esigenze del cliente, non significa che la loro natura intima sparisce del tutto.

Come si manifestano le particolarità di ogni genere nell'ambito dell'amore a pagamento? Per lo più, nei seguenti modi:

1.-Mediante sensibilità esagerata. Indifferentemente da quale parte della barricata si trovano (pagano il loro piacere oppure lo offrono a prezzo di mercato), le donne sono più predisposte ad episodi smancerosi rispetto ai loro “opposti”, abituati ad astenersi ad abitudini “imbarazzanti” (almeno in pubblico, poichè a casa, solo loro sanno quanto e se bagnano o meno il cuscino).

Sia che si meravigliano davanti alla virilità, sia che patiscono crisi di identità, si rompe un unghia, si rammaricano di non aver chiesto più soldi, si ricordano delle rate in banca, vivono il dramma di un amore impossibile o provano semplicemente il bisogno di una piccola repressione emozionale, le “sensibili” possono scegliere i loro momenti estremamente non ispirati per esternalizzarsi mediante le lacrime. Almeno a volte.

A differenza dei Don Giovanni che censurano molto più facilmente i loro atti di vulnerabilità, perché hanno le ghiandole lacrimali un pò più grandi (fatto dimostrato scientificamente), sono scoraggiati dalla società gia da piccoli ad esprimere apertamente i loro sentimenti interiori ed in genere, evitano di essere associati all'immagine di entità fragili, pronta scoppiare spasmodicamente ad ogni stimolo pseudo emozionale.

2.-Mediante il linguaggio verbale e non-verbale. Le donne parlano molto e gesticolano quasi ugualmente molto, pronte a pronunciare (in media) più di 42.000 parole al giorno. Un vero e proprio incubo! I maschi, invece, si accontantano con meno di 10.000. E quando comunicano, lo fanno per trasmettere fatti e informazioni precise, non impressioni, sensazioni o elucubrazioni inutili. Per questo motivo, anche la prestazione delle signore tende a subordinare il piacere di esprimersi continuamente. Alcune, adorano effettivamente accompagnare ogni gesto con un corrispondente verbale, e spiegare le proprie azioni (come se si trovassero davanti ad un pubblico profano ed avido di conoscere tutti i dettagli). Ignorando le eccezioni di rigore, si potrebbe affermare che la femminilità si comporta spesso non solo in maniera rumorosa, ma anche verboa (per non dire noiosa).

A volte, però, l’eccesso di zelo comporta la morte della passione. Poichè i signori preferiscono esprimere la propria “sensualità” in maniera alquanto più celere ed in relativa tranquillità. Accettano interventi insolenti, repliche immorali, le classiche urla che confermano la loro virilità, ma la paziena di ascoltare torie su ex clienti o amanti, commenti in merito al tempo, il riassunto del film preferito, la storia familiare, i progetti per il futuro, o qualsiasi altra informazione non pertinente agli incontri puramente erotici, non fanno parte della loro lista delle tollerabilità preferite. Tuttavia, in virtù dell'abitudine, alcune amanti “di occasione” (acquistate o acquirenti), si lasciano trascinare dall'onda, per l'immensa disperazione dei partner taciturni, chiacchierando in modo completamente inappropriato a questo contesto, in merito a tutto e tutti. Per fortuna, per tali occasioni, è stato inventato il bavaglio (ai fini della diversità sessuale, ovvio...).

3.-Mediante il modo in cui si preparano al sesso. Se le donne svolgono un rituale completo allo scopo di prepararle per l'avventura di sesso, ai maschi basta una doccia. Ovvio, nel caso dei maschi-gigolo o di quelli ben ancorati nella contemporaneità, la depilazione è a sua volta un dettaglio obbligatorio, prima di tirar fuori il galletto dalla gabbia. Ciononostante, le due specie mostrano un comportamento distinto prima dell'accoppiamento.

Le donne hanno bisogno di tempo, una tonnellata di creme, biancheria sexy, trucco, i tacchi, conferme allo specchio e non meno importante... il profumo.

I maschi hanno bisogno di una partner. Ed eventualmente, un posto adatto... oppure no!

4.-Mediante le aspettative avute. Naturalmente tutti i clienti dei servizi a pagamento, indifferentemente dall'età e dalle possibilità (sia fisiche, che finanziarie), vogliono essere soddisfatti, tornare a casa con il sorriso sulle labbra e gioia nel cuore. Altresi, tutte le escort, indifferentemente dalle doti o dall'esuberanza del proprio coinvolgimento, vogliono ricevere l'onorario. Come altro possono essere i motivi degli idilli commerciali, se non egoisti, riflettendo la necessità principale dei protagonisti. Nonostante ciò, esistono anche in questo caso, differenze a livello delle aspettative del partner. Gli uomini aspirano ad essere lodati, applauditi a scena aperta e premiati con il trofeo del riconoscimento eterno (si, si, il pene genera un orgoglio immenso), e le signore, vogliono essere trattate come delle... signore (che comunque sono, no?), senza sguardi allusivi o giudizi di valore (relativi alla morale, estetica o prestazione).

5.-Mediante le reazioni del dopo. Effettivamente, le reazioni del dopo, differiscono solo nel caso degli amanti “di lunga corsa”, inquadrati perfettamente nei clichès dei film di scarsa qualità... quando lei si adagia sul petto di lui e vuole discutere “da scienziato” dei problemi più importanti dell'umanità, e lui non vede l'ora di voltarsi dall'altra parte e dormire. Così gli esorta la prolattina rilasciata durante l'atto fisico.

“Gli amanti temporanei” non hanno fantasie tipo postludio. A loro interessa solo raggiungere l'orgasmo, rispettivamente ricevere i soldi, per poi tornare al più presto alle cose personali (cosa che facilita la missione e il benessere psichico di tutti ). Non per niente gli amori tassati hanno una semplicità davvero “liberatoria”, mentre in molte altre relazioni questo aspetto manca completamente. Purtroppo...