L'herpes genitale (il virus Simplex)

L'herpes genitale (il virus Simplex)

L'herpes genitale (il virus Simplex)

La malattia causata dal virus "Simplex" si manifesta sotto due aspetti: Herpes Simplex del tipo I e Herpes Simplex del tipo II. Entrambi sono contagiosi. Come mai? Quello del tipo I agisce soprattutto a livello della bocca e fa la sua comparsa soprattutto durante gli episodi di raffreddore o influenza con lo stato febbrile, mentre quello del tipo II si verifica nella zona genitale, e si trasmette attraverso rapporti sessuali non protetti. A differenza dell'herpes del tipo I il quale è attivo e può danneggiare occasionalmente, tra cui anche la zona genitale (durante gli episodi di sesso orale), quello del tipo II è contagioso, indipendentemente dal tipo di sesso praticato.

La malattia è molto diffusa, soprattutto tra i giovani.

I sintomi possono essere assenti del tutto, e se presenti, si fanno sentire solo all'inizio, sotto forma di bruciore durante la minzione, mal di testa (cefalea), febbre, dolori muscolari o aumento del volume della linfa. La lesione appare e si evolve prima attraverso l'infiammazione della pelle nel posto dova comparira' l' herpes (zona intima o intorno ad essa) e poi la zona diventa calda, generando dolore e prurito. La vescicola che risulterà infine, si romperà e produrra' una crosta che sparirà dopo la guarigione. Solo la prima apparizione si estende per un periodo più lungo (diverse settimane). Le fasi successive sono più brevi e un po 'meno fastidiose.

Purtroppo, l'herpes è incurabile. Una volta acquisito, il virus rimane nel corpo, "appeso" al sistema nervoso, facendo sentire la sua presenza solo quando beneficia di fattori favorevoli che possono riattivarlo.

Le lesioni si verificano periodicamente, a seconda dell'individuo, la media è intorno a poche (3-4) apparizioni all'anno quando il sistema immunitario non è abbastanza forte. In caso contrario, gli episodi sono molto più rari, con periodi di guarigione brevi e intensità bassa in merito al dolore. Può dare l'impressione di guarigione, per poi ricomparire, durante una malattia, una dieta, le mestruazioni, un intervento chirurgico, in particolare allorquando lo stress si manifesta intensamente.

A diferenza dell'herpes che riguarda la zona della bocca, che può essere subito identificato, l'herpes genitale necessita un consulto specialistico in quanto risulta difficile da diagnosticare. Un esame al fine di rilevare eventuali lesioni interne, può dare risultati solo se il virus è attivo, mediante prelievo di campioni locali. Durante la latenza, se i risultati non sono molto precisi, possono essere effettuati specifici esami di sangue.

Siccome almeno per il momento non vi è alcuna cura per questa malattia, i medici consigliano una semplice cura consistente in farmaci antivirali sotto forma di compresse o pomate, i quali risultano efficaci soltanto nel ridurre il disagio e accellerare la guarigione delle ferite. Nel caso dei pazienti con numerose recidive, possono essere somministrati farmaci (solo sotto consiglio del medico), per periodi di tempo più estesi, con lo scopo di ridurre la frequenza di riattivazione.

Per ridurre drasticamente il pericolo di contaminazione con il virsus dell'herpes genitale, è assolutamente necessario praticare sesso protetto. L'unica soluzione efficace a tale proposito sono: i preservativi e la riduzione del numero di partner sessuali. Per le persone che ne soffrono, c'è la possibilità di seguire alcuni trattamenti che mirano a ridurne il rischio di trasmissione dell'infezione (non si elimina completamente).