20 curiosità sulla VAGINA

20 curiosità sulla VAGINA

20 curiosità sulla VAGINA

Stella di qualsiasi incontro sessuale, la vagina nasconde segreti che non molti conoscono. Per gli uomini, del resto, è sufficiente intravedere l'ingresso e la strada (libera). Perché sovraccaricare la memoria con dettagli noiosi, quando possono prestarsi e senza avere la minima idea circa l'etimologia della parola, del legame dell'organo con l'altezza della donna oppure di quello tra il suo profumo naturale e la fragranza del muschio? Solo perchè... l'informazione rende forti? Un pene istruito non garantisce, implicitamente, un pene super-potente. Con tutto ciò, le conoscenze sul settore hanno (almeno) il merito di aprire la mente dei maschi e di renderli un pò più versatili in merito all'argomento in discussione. Questo oltre al fatto che “i misteri” del piccolo e adorabile “personaggio”, sono decisamente gustosi.

Ecco allora le curiosità più simpatiche omesse durante le lezioni di anatomia:

1.-Il termine “vagina” proviene dalla lingua latina e significa “fodero per la spada”. Il significato suona in modo dignitoso e promettente, anche se, in realtà, il diminutivo di “spada” probabilmente sarebbe stato più adatto.

2.-La zona intima femminile, ha capacità elastiche straordinarie. Stimolata in maniera adeguata, può dilatarsi fino al 200%. I più fortunati dotati di centimetri supplementari (in lunghezza o spessore), non devono agitarsi a causa del tirannosauro che si ritrovano nei pantaloni. Lo spazio c'è! A bizzeffe!

3.-Come può arrivare la “farfallina” a somigliare ad un calzino riverso? Per quanto possa sembrare strano, il fenomeno di prolasso vaginale (“caduta” dal proprio corpo dell'apparato genitale), colpisce molte mamme dopo il parto. Purtroppo, la medicina ha soluzioni!

4.-Le cose inserite (per sbaglio o intenzionalmente) nel posto destinato al membro eretto, non si perdono. Lo spazio in questione, non è tuttavia un sacco senza fondo, una sorta di “Triangolo delle Bermude” che “ingoia” in modo spietato e definitivo gli oggetti. La cervice situata in fondo alla cavità della vescica, protegge con sacralità l'entrata nell'utero, funzionando come una sorta di barriera. Solo lo sperma può passare. A volte...

5.-Il lubrificante naturale secreto nei momenti di piacere massimo, contiene un “ingrediente” particolare, presente nel fegato degli squali (squalene). Riuscireste a trovare una prova più eloquente del fatto che le donne hanno in qualche modo un origine... letale?

6.-Devoti come se la vita stessa li avrebbe messi alla prova, i teorici lavorano seriamente alla mappatura del labirinto tra le gambe sensuali. Verificano ipotesi, stabiliscono legami, identificano punti. Recentemente, oltre al famoso punto G (localizzato alla metà della distanza tra l'osso pubico e la cervice), gli specialisti parlano di una cosiddetta zona A (Fornice Vaginale Anteriore), scoperta da una sessuologa della Malesia. In base alle attente misure, questa (il punto in causa, non la sessuologa) si troverebbe sulle pareti interne della vagina, ad una distanza pari tra la parte inferiore dell'utero e il suo fratello quasi gemello, il signor G. È facile constatare che la sua stimolazione scateni folli esperienze ed orgasmi a catena. Nei casi fortunati.

7.-L'entrata nel tunnel magico, contiene numerose terminazioni nervose (estremamente sensibili e portatrici di brividi), grazie alle quali le possedrici arrivano ad urlare. La parte dell'entrata, risponde in maniera eccellente agli stimoli procurati manualmente, con la lingua, utilizzando diversi oggetti o con lo stesso spettacolare membro maschile.

8.-L'odore ed il gusto delle parti “private” femminili, dipendono anche dall'alimentazione. La frutta, ad esempio, gli da un aroma dolce, appetitoso. Può essere una buona idea, a questo scopo, adottare un'alimentazione adeguata. Così, i partner non potranno proprio lamentarsi. Ne di “sapori” spiacevoli, ne del peso extra.

9.-Si dice che una vagina pulita profumi di muschio. Cosa che sarebbe meglio... essere cosi!

10.-Come l'occhio, anche l'organo situato un pò “più giu” ha la capacità di autopulirsi. Ciò non elimina, però, la necessità di un igiene rigorosa. Giornalmente.

11.-L'avanzare dell'età porta rughe sul viso, ma anche nel posto grazie al quale alcune donne diventano famose nella vita. Non per niente le operazioni estetiche interessano anche il miglioramento dell'aspetto delle “labbra” vulnerabili (anche loro) con il trascorrere del tempo. Soprattutto quando queste costituiscono l'oggetto di lavoro, essendo fonte di celebrità o reddito.

12.-Il titolo di “mammifero con la vagina più grande” appatiene indiscutibilmente alla balena azzurra. La creatura non ha neanche lontanamente concorrenza in questo capitolo. Il suo organo riproduttore raggiunge l'impressionante lunghezza di 1,82 - 2,43 m (5.971-7.972 ft). Semplice trarre conclusioni relative alle dotazioni delle balene maschio. Signore, non perdete la calma. Respirate profondamente!

13.-Il titolo di “persona con la vagina più grande” appatiene alla suddetta Anna Bates (Swann), che è vissuta nel XIX secolo. Con un'altezza di 2,27 metri (7.447 ft) la rispettiva è entrata a far parte dei Guinness dei Primati grazie al proprio “abiss” del piacere di “soli”... 48 cm. (18.89 in). Nel 1879 ha partorito un bambino di 10,8 chilogrammi (23.809 lb), deceduto però, poco dopo la nascita.

14.-All'altro estremo, si trova un piccolo orifizio, di cca 3 cm (1.181 in). La situazione fu critica, richiedendo un intervento chirurgico correttivo. Smetteranno di lamentarsi i stalloni che passano attraverso crisi esistenziali a causa delle dimensioni...

15.-La mancanza di attività sessuale determina l'assottigliamento delle pareti vaginali. Per rafforzare i muscoli di questa zona, alle astinenti sono raccomandati gli esercizi Kegel (tensione e rilassamento alternativo dei muscoli circolari, interni, per 5 min al giorno). Gli stessi sono perfettamente adatti anche alle signore “attive”, poichè aiutano all'intensificazione del piacere. Con un pò di volontà, si possono fare veri e propri miracoli.

16.-Chi tiene in allenamento il proprio “tesoro” intimo, colleziona pubblico a letto o anche... in televisione. È il caso di Tatianei Kozhevnikov, russa capace di sostenere 14 kg (30.864 lb) senza mani. Come? Con l'aiuto della vagina. Quali altre “cose” riesce la “sportiva” ad intraprendere con il proprio organo?

17.-Il rischio di contrarre una o più malattie veneree indesiderate, aumenta nel caso degli atti fisici effettuati durante le mestruazioni (i batteri si moltiplicano molto più velocemente). Non che molte persone sarebbero infervorate prestarsi sul “codice rosso”, ma, buono a sapersi.

18.-Le rappresentanti del sesso debole hanno sofferto, nel corso della storia, un sacco di ingiustizie, alcune decisamente stupide. Nel Medio Evo, ad esempio, le ragazze venivano scoraggiate a raggiungere l'orgasmo, poichè si credeva che la malefica sensazione influenzasse l'abilità di rimanere incinta. Quanta crudeltà! Oppure semplicemente stoltezza?

19.-L'inventiva linguistica dei popoli non conosce limiti. Si crede che ci sono più di 1.000 parole-gergo associate alla vagina. “Buco nero” è uno di queste. La lista completa potrebbe essere, con certezza, una deliziosa lettura.

20.-I vibratori sono benefici oggi, come anche nel passato. I medici del XIX secolo (inizio del XX secolo), brandivano fino allo sfinimento i falli artificiali, attribuendogli valore terapeutico nel trattamento delle pazienti diagnosticate di isteria. Strana associazione causa-effetto. Ma tuttavia...